“Indostaff” di Alfredo Testoni – 10 novembre 2017

Torna a vivere Indostaff, sorta di parodia del Falstaff verdiano scritta nel 1895 dal compositore bolognese Alfredo Testoni sotto lo pseudonimo di Tisento

[vc_row css_animation=”” row_type=”row” use_row_as_full_screen_section=”no” type=”full_width” angled_section=”no” text_align=”left” background_image_as_pattern=”without_pattern”][vc_column width=”1/3″][vc_single_image image=”4476″ img_size=”medium” alignment=”center” qode_css_animation=””][/vc_column][vc_column width=”2/3″][vc_column_text] 10 novembre 2017 Aula consiliare del Palazzo municipale [/vc_column_text][vc_column_text]

Torna “Indostaff” di Alfredo Testoni

[/vc_column_text][vc_column_text]

Una gustosa parodia del “Falstaff” di Giuseppe Verdi

[/vc_column_text][vc_separator type=”small” position=”left” color=”#000000″][vc_column_text] Torna a vivere Indostaff, sorta di parodia del Falstaff verdiano scritta nel 1895 dal compositore bolognese Alfredo Testoni sotto lo pseudonimo di Tisento. Sarà rappresentata venerdì 10 novembre alle 21 nella Sala consiliare del Comune di Modena nell’ambito del programma di “Modena Città del Belcanto”. Scelta non casuale visto che la vicenda si svolge nel corso di un burrascoso consiglio comunale (“indostaff”, in dialetto, vuol dire “in due staffe” e allude agli equilibrismi della politica). Lo spettacolo coinvolge un ampio numero di voci e comparse accompagnate dal classico organico strumentale da camera. Il lavoro di trascrizione dei numeri verdiani del Falstaff è stato curato dagli ex allievi della classe di Composizione dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Vecchi – Tonelli”. Nel ruolo principale il tenore Bruno Praticò, docente assieme a Raina Kabaivanska del corso di Diploma di secondo livello in Canto lirico presso l’Istituto “Vecchi – Tonelli”. [/vc_column_text][vc_column_text]

Torna agli eventi

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]