La statua di Luciano Pavarotti a fianco del “suo” teatro

Inaugurata, in coincidenza con l’avvio della stagione d’Opera, la statua dedicata a Luciano Pavarotti donata a Modena dal Comune di Pietrasanta, nel decennale della scomparsa.

[vc_row css_animation=”” row_type=”row” use_row_as_full_screen_section=”no” type=”full_width” angled_section=”no” text_align=”left” background_image_as_pattern=”without_pattern”][vc_column][vc_column_text]

La statua di Luciano Pavarotti a fianco del “suo” teatro

[/vc_column_text][vc_empty_space height=”22px”][vc_column_text]

Inaugurata, in coincidenza con l’avvio della stagione d’Opera, la statua dedicata a Luciano Pavarotti donata a Modena dal Comune di Pietrasanta, nel decennale della scomparsa. L’opera in bronzo dello scultore Stefano Pierotti, fusa gratuitamente da tre fonderie artistiche di Pietrasanta, è stata collocata in via Goldoni all’angolo con corso Canalgrande, sotto il portico del Teatro Comunale.

[/vc_column_text][vc_empty_space height=”22px”][/vc_column][/vc_row][vc_row css_animation=”” row_type=”row” use_row_as_full_screen_section=”no” type=”full_width” angled_section=”no” text_align=”left” background_image_as_pattern=”without_pattern”][vc_column width=”2/3″][vc_column_text]

Desidero ringraziare  chi ha reso possibile la giornata di oggi – ha detto il sindaco Muzzarelli – a partire dalla famiglia di Luciano Pavarotti e Nicoletta Mantovani. Proprio oggi inizia la stagione operistica del Teatro Comunale ‘Luciano Pavarotti’, e con la statua in via Goldoni, a lato dello stesso teatro, si rafforza il legame tra il tenore, amatissimo tanto a Modena quanto nel mondo, e la nostra città, con un’opera che ricorderà la sua importanza per la musica lirica e per Modena. La presenza di Pavarotti – ha aggiunto Muzzarelli – si avverte ancora oggi in città, nell’amore che Modena prova per ogni forma d’arte e in particolare per la musica di ogni tipo, lirica e classica”.

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/3″][vc_single_image image=”4464″ img_size=”medium” alignment=”center” qode_css_animation=””][/vc_column][/vc_row][vc_row css_animation=”” row_type=”row” use_row_as_full_screen_section=”no” type=”full_width” angled_section=”no” text_align=”left” background_image_as_pattern=”without_pattern”][vc_column][vc_empty_space height=”22px”][/vc_column][/vc_row][vc_row css_animation=”” row_type=”row” use_row_as_full_screen_section=”no” type=”full_width” angled_section=”no” text_align=”left” background_image_as_pattern=”without_pattern”][vc_column width=”1/3″][vc_single_image image=”4465″ img_size=”medium” qode_css_animation=””][/vc_column][vc_column width=”2/3″][vc_column_text]

Il vicesindaco e assessore alla Cultura Gianpietro Cavazza sottolinea come “il ricordo di un grandissimo come Pavarotti continua a essere fertile e fecondo per una città come Modena, che è città della musica viva, come dimostra il progetto Modena Città del bel canto, con gli allievi da tutto il mondo che vengono a studiare qui con Mirella Freni e Raina Kabaivanska, e come conferma la prima opera della stagione, ‘Il colore del sole’ di Lucio Gregoretti, liberamente tratta da un romanzo dello scrittore contemporaneo Andrea Camilleri, coprodotta dal nostro teatro”.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]